Servizio gestito da Agevola SRL

Simest: in riapertura il bando per la transizione digitale ed ecologica

Ne potranno beneficiare le PMI e Mid Cap, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.

L’obiettivo è rafforzare la competitività internazionale delle imprese sostenendone la transizione digitale ed ecologica.

Beneficiarie degli aiuti sono le PMI e mid-cap (max. 1.500 dipendenti) italiane, costituite in forma di società di capitali e che abbiano depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi.
I beneficiari devono inoltre avere un fatturato estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato.

Si tratta di un finanziamento a tasso agevolato, del quale una parte può essere richiesta sotto forma di co-finanziamento a fondo perduto.

Il suo obiettivo è sostenere gli investimenti volti a favorire la Transizione Digitale (almeno il 50% del totale del finanziamento) ed Ecologica delle PMI, per promuoverne la competitività sui mercati esteri.

Sono ammissibili spese per la Transizione Digitale (che dovranno rappresentare almeno il 50% delle spese ammissibili finanziate):

  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
  • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale;
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali;
  • consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager);
  • disaster recovery e business continuity;
  • blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali);
  • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine)

e spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle spese ammissibili finanziate:

  • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc);
  • spese per internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali in paesi esteri, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero ecc).

L’Importo massimo finanziabile è pari al minore tra 1.000.000,00 euro e il 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati del richiedente.

La quota massima a fondo perduto può arrivare fino al 40% per le PMI del Sud (con almeno una sede operativa in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia), e fino al 25% per le restanti PMI.
La durata del finanziamento è di 6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento.

[simest] [internazionalizzazione] [4.0] [finanziamento] [fondo perduto] [cdp] [cassa depositi e prestiti]

Vuoi maggiori informazioni?

Compila il modulo sottostante, un nostro esperto ti contatterà entro 24h



    Leggi le ultime news