Servizio gestito da Agevola SRL Società Benefit

Credito d’imposta ricerca e sviluppo, il riversamento slitta a luglio 2024

Il Collegato alla Legge di Bilancio 2024, datato 18 ottobre 2023, ha prorogato nuovamente i termini per il riversamento volontario degli indebiti utilizzi in compensazione del credito d’imposta.

il Collegato alla Legge di Bilancio 2024, datato 18 ottobre 2023, ha recentemente prorogato nuovamente i termini per il riversamento volontario degli indebiti utilizzi in compensazione del credito d’imposta per investimenti in attività di ricerca e sviluppo.
Non sono state apportate modifiche alla procedura di riversamento, ma si è in attesa dell’aggiornamento del modulo di istanza e delle relative istruzioni.

In sintesi, le principali modifiche includono:

  • la scadenza per la presentazione della domanda di accesso alla procedura di sanatoria è stata posticipata dal 30 novembre al 30 giugno 2024;
  • la scadenza per il pagamento delle somme o della prima rata è stata spostata dal 16 dicembre 2023 al 16 dicembre 2024.

Un emendamento recentemente approvato ha ulteriormente prorogato la data di presentazione della domanda al 30 luglio 2024.
È da notare che l’estensione dei termini è giustificata dalla necessità dei contribuenti di ottenere la certificazione della conformità delle attività svolte, che impedisce l’accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate.

A tal proposito, è stato pubblicato il DPCM del 15 settembre su GU n. 258 del 4 novembre, contenente disposizioni sulla certificazione della qualificazione delle attività di ricerca e sviluppo, innovazione tecnologica, design e ideazione, al fine di creare un elenco di certificatori.
Tuttavia, è importante sottolineare che si attende un ulteriore decreto del MIMIT per le regole operative relative all’iscrizione all’elenco dei certificatori.

Infine, un altro emendamento al decreto Anticipi offre la possibilità di revocare le domande di riversamento già presentate entro il 30 giugno 2024, a condizione che il pagamento dell’importo dovuto o della prima rata non sia ancora avvenuto.

Si attendono ulteriori informazioni e dati per avere certezza di tali novità annunciate.

Vuoi maggiori informazioni?

Compila il modulo sottostante, un nostro esperto ti contatterà entro 24h

    Leggi le ultime news