Servizio gestito da Agevola SRL

Beni strumentali 4.0: credito d’imposta del 50% fino alla fine del 2022

La pubblicazione in Gazzetta ha reso ufficiale la proroga.

La “voce” circolava da tempo; con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo coordinato del DECRETO-LEGGE 228 del 30 dicembre 2021 la proroga assume carattere di ufficialità.

In sostanza, i beni materiali 4.0 per i quali alla data del 31/12/2021 sia stato accettato l’ordine e sia stato versato un acconto di almeno il 20%, possono essere consegnati entro il 31/12/2022 (anziché entro il 30/06), beneficiando dell’aliquota più alta, cioè il 50% (per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro).

Ricordiamo le aliquote previste per gli altri “scaglioni”, in base alle tempistiche e all’ammontare degli investimenti:

BENI STRUMENTALI NUOVI INDICATI NELL’ALLEGATO A DELLA LEGGE 232/2016 (BENI MATERIALI).

  • 16/11/2020-31/12/2021 (31/12/2022 -anziché 30/06/2022- se entro il 31/12/2021 l’ordine è accettato e viene pagato un acconto di almeno il 20%):
    credito d’imposta del 50% del costo per la quota di investimenti fino a euro 2,5 milioni;
    credito d’imposta del 30% per la quota compresa tra euro 2,5 milioni e euro 10 milioni;
    credito d’imposta del 10% per la quota compresa tra euro 10 milioni e euro 20 milioni.
  • 01/01/2022-31/12/2022 (30/06/2023 se entro il 31/12/2022 l’ordine è accettato e viene pagato un acconto di almeno il 20%):
    credito d’imposta del 40% del costo per la quota di investimenti fino a euro 2,5 milioni;
    credito d’imposta del 20% per la quota compresa tra euro 2,5 milioni e euro 10 milioni;
    credito d’imposta del 10% per la quota compresa tra euro 10 milioni e euro 20 milioni.
  • 01/01/2023-31/12/2025 (30/06/2026 se entro 31/12/2025 l’ordine è accettato e viene pagato un acconto di almeno il 20%):
    credito d’imposta del 20% del costo per la quota di investimenti fino a euro 2,5 milioni;
    credito d’imposta del 10% per la quota compresa tra euro 2,5 milioni e euro 10 milioni;
    credito d’imposta del 5% per la quota compresa tra euro 10 milioni e euro 20 milioni.

BENI INDICATI NELL’ALLEGATO B DELLA LEGGE 232/2016 (BENI IMMATERIALI).

  • 16/11/2020-31/12/2023 (30/06/2024 se entro il 31/12/2023 l’ordine è accettato e viene pagato un acconto di almeno il 20%): credito d’imposta del 20% del costonel limite massimo di costi ammissibili pari a euro 1 milione;
  • 01/01/2024-31/12/2024 (30/06/2025 se entro il 31/12/2024 l’ordine è accettato e viene pagato un acconto di almeno il 20%): credito d’imposta del 15% del costonel limite massimo di costi ammissibili pari a euro 1 milione;
  • 01/01/2025-31/12/2025 (30/06/2026 se entro il 31/12/2025 l’ordine è accettato e viene pagato un acconto di almeno il 20%): credito d’imposta del 10% del costonel limite massimo di costi ammissibili pari a euro 1 milione.

Vuoi maggiori informazioni?

Compila il modulo sottostante, un nostro esperto ti contatterà entro 24h



    Leggi le ultime news