Servizio gestito da Agevola SRL

Agevolazioni fiscali per interventi di ristrutturazione edilizia

Fondi disponibili
Modulistica
Entità agevolazioni
Procedura

Detrazioni Irpef fino al 50% e fino a euro 96.000,00 per unità immobiliare.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo, nell’anno in cui è sostenuta la spesa e in quelli successivi.

Possono beneficiare della detrazione: proprietari degli immobili ma anche titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese: proprietari o nudi proprietari; titolari di un diritto reale di godimento; locatari o comodatari; soci di cooperative; imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce; soggetti indicati nell’articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.
Purché sostengano le spese, hanno diritto alla detrazione anche: familiare convivente, coniuge separato assegnatario dell’immobile, componente dell’unione civile, convivente more uxorio.

Interventi ammissibili:

  • manutenzione straordinaria;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • ristrutturazione edilizia;
  • interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi;
  • lavori per l’eliminazione delle barriere architettoniche e per favorire la mobilità di persone con disabilità;
  • interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio del compimento di atti illeciti da parte di terzi;
  • interventi finalizzati alla cablatura degli edifici e al contenimento dell’inquinamento acustico;
  • interventi effettuati per il conseguimento di risparmi energetici;
  • interventi per l’adozione di misure antisismiche (previste detrazioni fino all’85%);
  • interventi di bonifica dall’amianto e di esecuzione di opere volte a evitare gli infortuni domestici;
  • manutenzione ordinaria (solo per interventi su parti comuni di edifici condominiali)

effettuati su immobili residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e sulle loro pertinenze.

Altri costi ammessi: spese tecniche (progettazione, direzione lavori, ecc.), spese per materiali, spese per perizie e relazioni di conformità.
 
Le stesse detrazioni spettano anche per l’acquisto di box e posti auto pertinenziali già realizzati e per la costruzione di autorimesse o posti auto, anche a proprietà comune. 
Esse spettano inoltre per l’acquisto o l’assegnazione di immobili già ristrutturati, a patto che essi facciano parte 
di un edificio sul quale sono stati eseguiti interventi di restauro e di risanamento conservativo o di ristrutturazione edilizia riguardanti l’intero edificio.
E’ invece prevista una detrazione del 19% (fino a euro 2.582,25) degli interessi passivi pagati sui mutui ipotecari stipulati a partire dal 1998 per la ristrutturazione o la costruzione dell’abitazione principale. 

Riferimento di legge: D.P.R. 917/1986 art. 16-bis e s.m.i.

Documenti allegati

1238_Info D.P.R. 917_1986, art. 16_bis agevolazioni ristrutturazioni edilizie_N.zip

1238_2019.zip

Vuoi maggiori informazioni per questa agevolazione?

Compila il modulo sottostante, un nostro esperto ti contatterà entro 24h



    Agevolarating

    Genera la tabella con tutte le agevolazioni riservate al tuo settore: un comodo elenco da consultare online oppure scaricabile in versione pdf.

    Scarica le agevolazioni in un unico PDF