Servizio gestito da Agevola SRL

Contributi per impianti trattamento rifiuti apparecchiature elettriche ed elettroniche

Fondi disponibili
Modulistica
Entità agevolazioni
Procedura

Contributo a fondo perduto fino al 70% delle spese.

Il finanziamento massimo per ciascuna Proposta sarà erogato secondo le modalità previste dal regolamento (UE) n. 651/2014 (GBER) e s.m.i

Obiettivo: colmare i divari strutturali che ostacolano lo sviluppo del settore dell’economia circolare, incrementando, altresì, l’occupazione e migliorando l’impatto ambientale.

L’Avviso è finalizzato alla selezione e al successivo finanziamento di proposte volte a all’ammodernamento, anche con ampliamento di impianti esistenti, o alla realizzazione di nuovi impianti per il miglioramento della raccolta, della logistica e del riciclo dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche cosiddette RAEE comprese pale di turbine eoliche e pannelli fotovoltaici.

Dotazione finanziaria: 150.000.000,00 euro.

Beneficiari: imprese che esercitano un’attività industriale diretta alla produzione di beni o di servizi, un’attività di trasporto per terra, per acqua o per aria (comprese le imprese artigiane); altre attività ausiliarie delle precedenti.

Le imprese devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria e disporre di almeno due bilanci approvati e depositati, e possono partecipare sia singolarmente sia in forma di rete di imprese.

L’ammontare del contributo non potrà superare il 35% dei costi ammissibili; esso potrà essere aumentato di 20 punti percentuali per gli aiuti concessi alle piccole imprese e di 10 punti per gli aiuti concessi alle medie imprese. L’ammontare del contributo può essere aumentato rispettivamente di 15 e di 5 punti per investimenti effettuati in zone assistite che soddisfano le condizioni di cui all’articolo 107, paragrafo 3, lettera a) TFUE e in zone assistite che soddisfano le condizioni dell’articolo 107, paragrafo 3, lettera c) TFUE (zone con tenore di vita anormalmente basso).

Gli interventi ammissibili dovranno concorrere al raggiungimento degli specifici obiettivi previsti dalla Misura, attraverso attività quali (elenco non esaustivo):

  • a) la realizzazione di impianti, o l’ammodernamento di impianti esistenti, di secondo livello per il riciclo delle “critical raw materials”;
  • b) la creazione di una rete capillare ed efficiente per la raccolta e il riutilizzo professionale dei RAEE;
  • c) l’implementazione di sistemi per il riciclo della plastica dei RAEE;
  • d) la realizzazione di nuovi impianti, o l’ammodernamento di impianti esistenti, di trattamento dei pannelli fotovoltaici dismessi.

I progetti devono

  • prevedere la stipula dei contratti per l’esecuzione di ciascun intervento oggetto della Proposta entro il 31/12/2023 e il completamento delle opere entro e non oltre il 30/06/2026;
  • non avere ottenuto, nel corso dell’ultimo ciclo di programmazione, un finanziamento a valere su fondi strutturali di investimento europeo;
  • non ledere il principio DNSH;
  • rispettare le condizioni di cui all’articolo 47 del GBER, come modificato dal regolamento della Commissione 2021/1237/UE, nella misura in cui sono finalizzati alla gestione dei rifiuti prodotti da altre imprese; i costi ammissibili corrispondono ai costi d’investimento supplementari necessari per realizzare un investimento che conduca ad attività di riciclaggio o riutilizzo rispetto a un processo tradizionale di attività di riutilizzo e di riciclaggio di analoga capacità che verrebbe realizzato in assenza di aiuti
  • essere coerenti con la normativa UE e nazionale, con il piano d’azione europeo sull’economia circolare nonché in sinergia con altri piani settoriali (ad. es. PNIEC) e/o altre componenti del piano, tecnologie innovative basate su esperienze su scala reale;
  • essere coerenti e complementari con i programmi della politica di coesione e progetti analoghi finanziati mediante altri strumenti dell’UE e nazionali.

Presentazione delle domande. Sono previste due fasi:

  • la prima, a partire dal 24/11/2021 in cui saranno pubblicati i fac-simile della Proposta sul sito istituzionale del MiTE;
  • la seconda, di presentazione della Proposta sulla Piattaforma resa disponibile sul sito istituzionale del MiTE, a partire dal 15/12/2021 ed entro e non oltre il 16/03/2022.

[transizione ecologica] [rifiuti] [ambiente] [filiera] [impianti] [economia circolare]

Riferimento di legge: D.M. 28/09/2021 linea 1.2/A

Documenti allegati

2049_Normativa_B.zip

Vuoi maggiori informazioni per questa agevolazione?

Compila il modulo sottostante, un nostro esperto ti contatterà entro 24h



    Agevolarating

    Genera la tabella con tutte le agevolazioni riservate al tuo settore: un comodo elenco da consultare online oppure scaricabile in versione pdf.

    Scarica le agevolazioni in un unico PDF